Rum da intelligenza artificiale al sapore di vacanza

by

Arrivato sul mercato come il primo DATA-DISTILLED RUM, creato per mano della IBM, viene presentato come il primo rum emozionale.

 

Dopo l’invecchiamento artificiale, le larghe maglie legislative del mondo del rum accolgono un nuovo prodotto, un rum emozionale prodotto da una intelligenza artificiale.

Per capire a fondo di cosa si tratta ricordiamo che l’A.I. Watson (artificial intelligence) della IBM è già stata testata lo scorso anno, con successo, per creare, sulla base delle informazioni inserite, un terrificante trailer per un film horror. Allo stesso modo il rapper Alex Da Kid l’ha usata per trasformare in musica le sue emoticon preferite. Ora la Virgin ha deciso di sfruttare la tecnologia per creare una bevanda alcoolica che sappia di vacanza. Avete capito bene, che sappia di vacanza.

In pratica, dopo aver immesso all’interno del database tutte le informazioni necessarie riguardanti il luogo di riferimento e le emozioni da suscitare, l’intelligenza artificiale ha prodotto un alcool aromatizzato alla…. vacanza. Una bottiglia che dovrebbe suscitare in chi la beve tutte le emozioni che si proverebbero stando appollaiati sotto una palma in una spiaggia caraibica.

Per farlo Watson ha scandagliato più di 5 milioni di post su rum e cocktails scritti sui vari social oltre che più di 5000 articoli su siti specializzati sul rum, analizzando le reazioni degli utenti ed i commenti e cercando di relazionare queste reazioni ai due “ingredienti” fondamentali che stava cercando, ovvero “divertimento” ed “esaltazione”.

Alla fine dell’analisi, ha riscontrato come mediamente un rum invecchiato genera più divertimento ed esaltazione di un rum bianco, per cui alla base della sua ricetta ha scelto di utilizzare rum invecchiato.

A detta dell’amico Ian Burrell, che l’ha assaggiato in anteprima, il rum è mediamente dolce con note di vaniglia, cannella, cocco e pepe.

Il rum è disponibile in 800 esemplari (venduti a 59 sterline) nei negozi della Virgin in Inghilterra a partire dal 24 gennaio.

 

No Comments Yet.

Che cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *